Fatturazione Elettronica : addio ai quindici giorni.

Posted by

Per molti di voi, oggi è una bellissima giornata. Ora gli imprenditori non hanno alcuna scusa, ora per dematerializzare sarà tutto molto più semplice. Infatti da oggi sono in vigore le nuove regole per la conservazione elettronica dei documenti fiscali, grazie al decreto ministeriale datato 17 giugno 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 146 del 26 giugno 2014  che sostituisce, le disposizioni contenute nel previgente decreto ministeriale del 23 gennaio 2004 e che da tempo tutti noi ne chiedevamo la modifica. Quindi addio ai quindici giorni per  la conservazione delle fatture elettroniche,  ma non finisce qui! , perchè FINALMENTE nel decreto nuovo, sono state apportate importantissime e vitali semplificazioni nell’assolvimento dell’imposta di bollo e l’eliminazione dell’obbligo di comunicazione dell’impronta dell’archivio digitale.  E, in ultimo, a chiudere perfettamente la bellissima giornata di oggi, anche una ciliegina sulla torta che sarà certamente gradita al mercato : ovvero da oggi valgono le medesime regole applicate ai documenti fiscali, anche per i documenti del settore doganale.

Fatturazione Elettronica addio ai 15 giorni
Fatturazione Elettronica addio ai 15 giorni

Quindi il processo di conservazione va quindi completato, anche per le fatture elettroniche, entro il termine di tre mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della dichiarazione annuale.
E invece dell’invio dell’impronta sarà semplicemente richiesta l’indicazione in dichiarazione dei redditi, di avere optato per la conservazione elettronica dei documenti fiscali e tributari.
E scordatevi anche le fastidiosissime comunicazioni preventive e consuntive per il pagamento dell’imposta di bollo, perchè da ora è previsto il versamento in unica soluzione entro centoventi giorni dalla chiusura dell’esercizio.

Insomma, ora andata e digitalizzate il mondo, perchè ora il mondo non ha più scuse:)

21 comments

  1. Imprenditori ma non solo. Anche chi gestisce la contabilità conto terzi dovrebbe rendersi conto che esistono strumenti innovativi per migliorare la qualità del proprio lavoro e ridurre i costi, basta informarsi !

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *